Skunk Marijuana Le origini la storia Cannabis Milano

La Skunk è una delle varietà di marijuana più popolari al mondo.

Tuttavia, l'uso di questo nome è stato diversificato, e oggi ci sono molti posti in cui skunk è un modo generico di riferirsi a potenti varietà di marijuana, con alti livelli di THC. Al di là c'è una storia, ai tempi in cui iniziarono i primi incroci genetici e i primi coltivatori dietro a tutta questa scena. In primo luogo, torniamo indietro di 45 anni, fino all'inizio degli anni '70, quando le varietà autoctone furono coltivate sotto il sole californiano e l'Olanda legalizzò per la prima volta la vendita di cannabis, dando origine alla prima varietà di cannabis commerciale chiamata Skunk # 1.

Precedenti delle varietà Skunk


Seguendo la parola dei ragazzi più anziani, c'era un tempo prima degli anni '70, in cui gli unici ceppi esistenti erano ceppi puri di cannabis (cioè Acapulco Gold, Panama Red, Maple Leaf indica), che venivano coltivati ​​solo all'aperto, a partire dal seme, con un lungo tempo di fioritura. Durante gli anni '60, con la crescente popolarità della cannabis, la coltivazione della cannabis iniziò a germogliare nel mondo occidentale. Tuttavia, le tecniche di coltivazione e la conoscenza del coltivatore erano limitate e le rese domestiche di marijuana erano basse, così come la qualità dei raccolti. Il materiale acquistato per il consumo veniva caricato con semi e quei semi venivano usati per i cicli successivi, quindi il problema era che le piante polinizzate producevano semi, ma portavano rese inferiori di gemme, mentre le piante non polinizzate impiegavano più tempo a maturare ed era difficile coltivarle in certi climi.

Era il decennio degli anni '70 quando i cambiamenti iniziarono ad apparire. Nel 1975 un libro intitolato Sinsemilla, scritto da Jim Richardson, ha rivoluzionato la scena della coltivazione della cannabis negli Stati Uniti, e ha iniziato ad apparire un gran numero di coltivatori sperimentali. In questo libro, basato su tecniche sviluppate in Indica, si diffuse l'arte e l'idea di base di rimuovere le piante maschili dai giardini, lasciando solo le femmine. In questo modo, le femmine venivano tenute senza fertilizzare e invece di produrre semi, concentravano tutta la sua energia nella produzione di resina. Alla fine del loro ciclo, la quantità e la qualità delle gemme sono migliorate costantemente, e anche la concentrazione di cannabinoidi, terpeni e ingredienti più attivi, oltre a migliorare gusto e sapori.

Sacred Strain

Narra la leggenda che uno di quei coltivatori sperimentali fosse David Watson, in seguito soprannominato Sam the Skunkman. In quel momento, The Skunkman si unì a un gruppo di coltivatori (non è chiaro quale fosse esattamente il suo ruolo in quel collettivo) che si chiamava The Sacred Seed. Questo gruppo, in cui erano presenti molti dei più grandi nomi dello scenario californiano (Mel Frank, Ed Rosenthal, Mendocino Joe, Jingles ...), era solito coltivare all'aperto, cercando, identificando e selezionando genetiche da migliaia di piante  e successivamento stabiliazzarle.

Sacred Seed

Sembra che il prototipo Skunk abbia la sua origine qui. Questo ceppo è stato sviluppato con lo scopo di mantenere la forza di una pianta, allo stesso tempo è stato ridotto il rapporto foglia-germoglio. Non è chiaro chi fosse il creatore della Skunk (alcuni dicono che fosse Jingles, alcuni Rosenthal e persino Sam ...) ma quello che sappiamo è che la prima varietà è stata allevata all'interno di una femmina Colombian Gold (sativa) e di una Afghani male (indica), quello che è diventato in una varietà che raggruppava gli effetti psicoattivi di una sativa, con il rapido tempo di fioritura e le cime dense di un'indica. L'idea era quella di ottenere una pianta in grado di produrre raccolti abbondanti, con poche foglie, ed un periodo di fioritura veloce con un'aroma forte e potenti effetti psicoattivi.

Contributo Olandese

Lasciando da parte ciò che è vero e ciò che non lo è, il fatto è che Sam si trasferì e stabilì la sua base ad Amsterdam, dove conosceva, e incontrò chiunque avesse partecipato allo scenario della cannabis. In Olanda il parlamento aveva approvato, già nel 1975, una politica di tolleranza per le droghe leggere, che consentiva il consumo e l'acquisto / vendita di marijuana in quelli che venivano chiamati centri giovanili. Quando Sam the Skunkman arrivò nell'82, Amsterdam stava vivendo l'ascesa dei negozi di caffè e non era difficile iniziare a lavorare legalmente con le piante di cannabis. Nel 1984 ha fondato Cultivator's Choice.
Mentre negli Stati Uniti il ​​coltivatore aveva sperimentato principalmente con ceppi sativa, in Olanda lavorava principalmente con indica, inoltre, ha anche iniziato a sperimentare con i primi giardini interni. Tutto ciò è diventato un punto chiave per lo sviluppo della Skunk.

75% sativa / 25% indica, è il rapporto che hanno ottenuto per la Skunk # 1 come la conosciamo oggi, una Afghani Indica, Acapulco Gold, Mexican Sativa e Columbian Gold Sativa, di prima qualità, facile da coltivare, che è diventata la prima varietà commerciale, nonché la prima vincitrice della Cannabis Cup nel 1988.

Oggi trovi molte attività di cannabis Milano, Roma, Torino che propongo delle varietà di marijuana legale con il nome di skunk.

Skunk # 1
Genetica: Afghani - Acapulco Gold - Columbian Gold.
Sapore: Skunk, con sfumature terrose.
Effetto: rilassante, sensazione piacevole, euforia, aumenta la concentrazione e la creatività.

L'origine della varietà Skunk ha qualche controversia, perché non sono pochi quelli che ne hanno rivendicato l'origine riproduttiva, né poche le versioni tratte dalla sua storia.

Skunk è una leggenda.

Fonti esterne

Categorie

Author:

Product added to wishlist
Product added to compare.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.